Muslim ban, la Corte d’Appello conferma la sospensione e Trump promette battaglia

2250572_medium_170208_061208_mi080217est_889La Corte d’appello federale di San Francisco ha confermato la sospensione, avvenuta il 29 gennaio scorso, del ‘muslim ban’, il controverso bando verso alcuni paesi musulmani voluto da Donald Trump. Ma il neo-presidente degli Stati Uniti non si arrende e preannuncia che la battaglia legala va avanti. «Ci vediamo in tribunale, la sicurezza della nostra nazione è in gioco», ha scritto su twitter il presidente degli Stati Uniti, che poi, parlando con i giornalisti, ha aggiunto: «È una decisione sulla quale vinceremo facilmente, secondo me».

Nella sentenza lunga 29 pagine, i tre giudici hanno respinto all’unanimità la tesi del dipartimento della Giustizia secondo cui il presidente è l’unico a poter decidere la politica sull’immigrazione. La Corte del Nono circuito ha poi sottolineato come «non ci siano prove che stranieri provenienti da uno dei Paesi citati nell’ordine» (Sudan, Siria, Iran, Iraq, Yemen, Libia e Somalia) abbiano commesso atti di terrorismo negli Stati Uniti.

«Da una parte – scrivono ancora – la popolazione ha un forte interesse nella sicurezza nazionale e nella capacità di un presidente eletto di attuare le sue politiche. Dall’altra, c’è anche un interesse alla libertà di viaggiare, evitando separazioni di famiglie, ed alla libertà dalle discriminazioni». Il dipartimento di Giustizia si è per il momento limitato a far sapere che «sta valutando la decisione» presa dalla Corte di San Francisco «e considerando le opzioni».

Muslim ban, la Corte d’Appello conferma la sospensione e Trump promette battagliaultima modifica: 2017-02-10T09:06:48+01:00da ellenaellena73
Reposta per primo quest’articolo